< Back

Cittadinanza energetica: un nuovo concetto che mette al centro il cittadino

30 ago 2022

Recenti sviluppi nella letteratura delle scienze sociali applicate alle questioni energetiche hanno favorito l’introduzione del concetto della “cittadinanza energetica”. In un contesto in cui è auspicabile che i cittadini diventino protagonisti della transizione energetica in modo significativo, la cittadinanza energetica si traduce in una partecipazione che va ben oltre la presa di decisioni ottimali di investimento e consumo di energia, laddove i cittadini assumono un ruolo più ampio come attori sociali e politici in grado di plasmare il sistema energetico.


Quest’ambizione è particolarmente centrale quando si considerano i cittadini costretti ad affrontare condizioni di povertà energetica, che è il risultato di molteplici ingiustizie. Se la transizione energetica mira a perseguire anche obiettivi di equità, i cittadini direttamente interessati dalle ingiustizie energetiche devono avere il potere di decidere come conseguire tali obiettivi.


Durante il prossimo incontro tematico di RETE ASSIST, presenteremo diversi meccanismi che potrebbero facilitare il passaggio dal ruolo passivo di consumatori a quello di cittadini energetici tra le famiglie in condizioni di povertà energetica. A tal fine, utilizzando le lenti dell’empowerment e della giustizia energetica, svilupperemo un quadro concettuale utile alla revisione della letteratura e dei progetti europei. I risultati dello studio suggeriscono che la maggior parte dei meccanismi si concentra sul potenziamento della capacità di consumare energia e investire nell'efficienza energetica in modo ottimale. Altri meccanismi mirano a potenziare il ruolo di consumatore ottimale, ma adottano una prospettiva più ampia, riconoscendo che le ingiustizie, le circostanze personali e le esigenze spesso strutturate a livello sociale influenzano la capacità di azione delle famiglie in povertà energetici. Infine, individuiamo una promettente fetta di meccanismi in grado di contrastare la povertà energetica potenziando le capacità di influenzare il sistema energetico come attori politici e sociali.