< Back

EPAH Conference. La due giorni croata si conclude con il messaggio di unità e collaborazione tra i comuni dell'UE per combattere la povertà energetica e accelerare la giusta transizione energetica

4 lug 2022

“Oggi abbiamo la consapevolezza e il quadro giuridico adatti per affrontare la povertà energetica. La domanda è: come possiamo farlo? Riunendo l'UE, le autorità nazionali, locali e regionali. Per noi (la Commissione europea), questi sono gli attori importanti che conoscono il contesto e le sfide locali e che devono essere coinvolti nel processo di accelerazione della giusta transizione energetica".

Con queste parole Eero Ailio, Consigliere per la Transizione Energetica e la Governance Locale presso la Direzione generale dell'Energia (Commissione Europea), ha dato il via alla seconda conferenza internazionale dell'Energy Poverty Advisory Hub (EPAH).


L’evento, tenutosi a Zagabria il 28 e 29 giugno, è stata una grande occasione di confronto tra più di 100 attori impegnati nel contrasto alla povertà energetica. I rappresentanti dei governi locali degli Stati membri dell'UE, delle istituzioni europee, delle agenzie per l'energia, delle organizzazioni della società civile e di tutti gli stakeholder attivi nel campo della povertà energetica si sono riuniti per discutere e condividere le esperienze sugli insegnamenti tratti dall'attuale crisi geopolitica e su come l'UE, gli attori nazionali e locali possano collaborare per trasformare questa sfida in un'opportunità per affrontare la povertà energetica e garantire un'energia giusta e sostenibile per tutti. Tra i presenti anche Aisfor - partner di RETE ASSIST - in qualità di partner del progetto EPAH.


La conferenza è stata inaugurata ufficialmente dai rappresentanti nazionali e locali della Croazia, in quanto l'evento è stato organizzato dall'Energy Poverty Advisory Hub in collaborazione con la città di Zagabria e DOOR, l'organizzazione locale della società civile di esperti che si dedica alla promozione dello sviluppo energetico sostenibile. Dunja Magaš, Segretario di Stato del Ministero dell'Edilizia, della Pianificazione fisica e del Demanio della Croazia, ha sottolineato che "la povertà energetica è la nostra sfida comune a livello europeo", mentre Kristina Čelić, Direttore della Direzione dell'Energia del Ministero croato dell'Economia e dello Sviluppo sostenibile, ha aggiunto che "affrontare la povertà energetica è urgente nel contesto attuale e la città di Zagabria si è impegnata a istituire un programma di mitigazione della povertà energetica".


Baiba Miltovica, presidente del Comitato economico sociale europeo per i trasporti, l'energia, le infrastrutture e la società dell'informazione (TEN), ha continuato con lo stesso tono a sottolineare l'importanza di affrontare la povertà energetica attraverso molteplici settori, evidenziando che "è sempre molto importante considerare le dimensioni sociali della transizione energetica". La prima giornata si è conclusa con una tavola rotonda sull'autonomia energetica, incentrata sulle sfide e le politiche a diversi livelli di governance, concludendo che "il livello locale e regionale è il luogo in cui tutto si riunisce".


Durante il secondo giorno, i partecipanti hanno preso parte a sessioni interattive in cui hanno avuto la possibilità di scambiarsi informazioni su ristrutturazioni di edifici, sportelli unici, finanziamenti innovativi e comunità energetiche. La giornata si è conclusa con una visita a Križevci, città pioniera nella promozione della democrazia energetica e della transizione energetica inclusiva. I partecipanti hanno incontrato il sindaco Mario Rajn e hanno visitato la prima centrale elettrica a pannelli solari in Croazia finanziata interamente dai cittadini presso il Centro di sviluppo e il Parco tecnologico della città. Hanno appreso come la città cofinanzia l'installazione di impianti solari nelle case delle famiglie e hanno sentito parlare dell'Ufficio Energia e Clima gestito dall'organizzazione KLIK, che comprende uno sportello unico e il Centro per la lotta alla povertà energetica. È stata una grande ispirazione concludere con la frase del sindaco Rajn: "La condivisione delle conoscenze e degli esempi di buone pratiche rafforza la rete di città e comuni dell'UE impegnati per un futuro verde e ci dà lo slancio necessario per trasformarci davvero in leader locali della decarbonizzazione".